31/10/2017 - CANNIBAL HOSTEL - ATLANTIC - BORGARO - PAPIDO

20,00

Ticket esaurito. Selezionare una tipologia diversa.

DETTAGLI DELL'EVENTO

CANNIBAL HOSTEL

Data Evento: 31/10/2017
Ora Apertura: 20:00
Location: ATLANTIC, VIA LANZO 163, BORGARO TORINESE

Descrizione

LA LEGGENDA 💀
Correva l’anno 1876 quando stanchi e affaticati dal lungo viaggio io e mio fratello Erik decidemmo di fermarci in un antico ostello poco lontano dai confini torinesi. La struttura non ospitava nessun viandante quella notte ma ci fu comunque assegnata dal sinistro oste una stanza all’ultimo piano.
Sul letto, un libro dalla copertina nera piena di forme geometriche attirò la nostra attenzione, il suo odore era quello di un pellame mai sentito prima all’olfatto, ed aveva una consistenza vellutata, quasi fosse umana.
Trascinati ed incuriositi, lo aprimmo.

Da grande appassionato della cultura e della lingua latina quale ero, mi accorsi subito che il libro era molto antico e scritto in linguaggio aulico solenne. Più mi addentravo nei versi più l’ aria si faceva fitta nella stanza, i suoi vocaboli sibilanti mi fecero stridere i denti provocandomi dei forti dolori alla testa, paralizzati come avvolti in una tela malefica tra noi ed il libro la lettura ormai ci trascinò nell’incubo.
Parafrasando il testo, si poteva facilmente capire come quella che stessimo leggendo fosse la storia di un vorace cannibale il cui nome era il medesimo dell’oste che ci accolse all’ingresso.

Si nutriva infatti di vite umane, protagonista di un passato immondo Isaac, l’oste mangiatore di uomini, a seguito di un patto col diavolo divenne immortale ma schiavo di una ributtante fame umana. Quando lo capimmo era troppo tardi. Indeboliti, incapaci di scappare udimmo la porta sbattere ferventemente, e subito comparve il guardiano Isaac, lo stesso che con il sorriso sulle labbra ci aveva accolto maligno al nostro arrivo.

Aveva una pala, era lì per noi, non c’era più via d’uscita.

“Quel libro, quel vecchio libro impolverato nella stanza 37 non era come tutti gli altri, era l’evocazione di Isaac, l’oste mangiatore di uomini”